NewsArticoli

Impact Readiness: il IV Incontro di Battiti

Martedì 1 Febbraio è stato realizzato il quarto incontro di Battiti. Dopo un periodo di pausa e di riflessione sui passi da compiere per il test, le quattro startup partecipanti hanno affrontato le tematiche relative alla finanza a impatto e alla ​​Impact Readiness.

Il pomeriggio è stato suddiviso in due momenti – il primo di formazione in plenaria su Impact Investing, il secondo di confronto con due realtà che operano in questo ambito: a|impact e Sefea.

Con Impact Investing si intende quell’ecosistema di soggetti che fanno investimenti su progetti e startup che, oltre all’obiettivo di sostenibilità economica, abbiano intenzione di contribuire a generare impatti ambientali, culturali e sociali positivi nel proprio contesto di riferimento. È cruciale quindi per una startup non solo stare sul mercato – e crescere – ma che la curva di crescita del business sia allineata con quella degli impatti positivi generati.

In Italia, su spinta di diversi veicoli di finanziamento a impatto – ma anche delle “Linee guida per la realizzazione di sistemi di valutazione dell’impatto sociale delle attivita’ svolte dagli enti del Terzo settore. (19A05601) (GU Serie Generale n.214 del 12-09-2019)” – il mondo dell’impact investing si è sempre più orientato all’uso della Teoria del cambiamento per le proprie valutazioni sulla finanziabilità di un progetto (la cosiddetta Impact Readiness) e per la gestione del proprio portafoglio di investimenti.

La capacità di pianificazione e impostazione della propria ToC, nonché quella di misurare e raccontare l’impatto, diventano quindi una competenza strategica per un’organizzazione che può essere oggetto di finanziamento.

I progetti di Battiti si presentano ai fondi di Impact Investing

Nella seconda parte del pomeriggio le quattro startup hanno avuto modo di interfacciarsi con due società attive nell’impact investing in Italia, a|impact e Sefea, rappresentate rispettivamente da Matteo Bartolomeo e Sara D’Aurelio. Entrambi hanno dato interessanti spunti di riflessione sull’impianto di valutazione che viene adottato quando entrano in relazione con le startup oggetto di fondi di investimento e sulla relazione che viene instaurata una volta stabiliti i primi passaggi tra impact investor e impresa.

Per quanto non standardizzata, l’impact readiness attuata da entrambe le organizzazioni strutturata intorno a quattro elementi fondamentali:

– intenzionalità, ossia la capacità di definire ex ante qual è il cambiamento che vuole generare nella società o in un determinato contesto attraverso un’attività o un progetto specifico;

misurabilità, ossia la capacità di identificare le variabili e le grandezze misurabili di questo cambiamento, per renderlo comprensibile e verificabile anche da altri;

addizionalità, capacità di contribuire a generare un cambiamento addizionale, aggiuntivo, rispetto a ciò che sarebbe avvenuto comunque in un contesto, o che il mercato avrebbe realizzato in autonomia;

rendimento, ossia la capacità di generare un ritorno economico.

Fondi Sefea e a|impact

Questi requisiti sono integrati in tutte le fasi del processo di investimento; già il primo approccio tra impresa e fondo investimento tiene conto sia della sostenibilità di impatto del progetto sia di quella economico-finanziaria. I primi tre elementi corrispondono alla “triade dell’impatto”, mentre il quarto è peculiare dei fondi di investimento di impatto. Come poi sottolineato da Matteo Bartolomeo, per a|impact, l’Impact Investing è solo una delle diverse opportunità di sostegno e finanziamento alla startup a impatto – e non sempre la più indicata.

Per entrambe le realtà è fondamentale che le imprese che richiedono accesso ai fondi di investimento abbiano già testato il prodotto o il servizio sul mercato: questo aiuta a comprendere la maturità dell’impresa, la capacità di generare impatto e le dimensioni di impatto sulla quale la startup agisce.

Infine, requisito fondamentale è la struttura del team e le competenze, spesso dato che viene messo in secondo piano dai progettisti ma assolutamente rilevante in fase di valutazione da parte di soggetti investitori.

Il prossimo appuntamento sarà dedicato all’esito del test che le startup hanno avviato in queste settimane e sarà la seconda occasione per loro di incontrare i Mentors.

Ti potrebbe interessare anche

Evento finale Battiti 2021

Articoli

Evento finale Battiti 2021

1 Aprile 2022

MUG newsletter